Vai al menu di navigazione

Personalizzazione

venerdì 21 giugno 2024

Presentazione di LETIsmart a Parma


Uno strumento per migliorare la mobilità in autonomia e sicurezza per ciechi ed ipovedenti nell'ambito urbano e non solo.
Categoria: Comunicati
Pubblicato da: Gianluigi Coppelletti

Organizzata dalla locale sezione UICI e col patrocinio del Comune di Parma, nella prestigiosa cornice del Palazzo del Governatore si è svolta nel pomeriggio del 19 giugno 2024 la presentazione del sistema LETIsmart.
L'incontro è stato introdotto dal Presidente dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Parma Guido Schianchi, mentre la relazione tecnica è stata tenuta dall'ideatore di LETIsmart Marino Attini, già Presidente della sezione UICI di Trieste dove si sono concretizzate le prime applicazioni del sistema. All'evento era presente anche il Presidente Regionale UICI per l'Emilia-Romagna Marco Trombini che ha esposto alcune delle attività in sviluppo all'interno del gruppo di lavoro per la vita indipendente dell'Unione nazionale.
Estremamente significativa la partecipazione di autorità e di rappresentanti di enti od aziende del territorio. Per il Comune di Parma erano presenti gli assessori Ettore Brianti (Politiche Sociali), Gianluca Borghi (Mobilità), Francesco De Vanna (Lavori Pubblici) ed il Presidente del Consiglio Comunale Michele Alinovi, oltre ai Consiglieri Comunali Antonio Nouvenne e Leonardo Spadi. Per l'Azienda Ospedaliero-Universitaria erano presenti il Direttore Generale Massimo Fabi  e Fernando Avellis, responsabile dell'ambulatorio di ipovisione della clinica oculistica. Hanno inoltre assistito all'evento Pietro Franzosi, in rappresentanza dei Lions Club International, Gianni Allodi, Presidente di  Federottica Parma, Anna Varoli dell'azienda di trasporti pubblici TEP, Barbara Zallio, in rappresentanza di ANMIC,  ed Adriana Massari, oculista del Centro Ipovisione dell'Unione di Parma.

Nella sua relazione Marino Attini ha illustrato le potenzialità e la semplicità d'uso di LETIsmart. Si tratta infatti di un sistema di radio fari, in grado di emettere un segnale acustico quando richiesto, che la persona con disabilità visiva può attivare attraverso un leggerissimo dispositivo munito di sintesi vocale da applicare al proprio bastone bianco, oppure con un telecomando tascabile con identico funzionamento. Dopo aver selezionato la tipologia di radio faro da individuare,  il cieco o l'ipovedente preme sul dispositivo l'apposito pulsante per far sì che il radio faro prescelto emetta un suono della durata di circa 20 secondi che lo guida nell'individuazione del punto di interesse, favorendone così il raggiungimento con una maggiore precisione.
I radio fari possono quindi essere collocati presso abitazioni, semafori, negozi o farmacie, sia all'esterno che all'interno di uffici pubblici o presidi sanitari, fermate dei mezzi pubblici ed anche sugli autobus stessi. Quest'ultimo tipo di applicazione riveste un particolare interesse poiché il vantaggio è molteplice. Grazie al dispositivo in proprio possesso, la persona disabile può infatti selezionare la linea a cui è interessata ed essere informata dell'arrivo del mezzo. Allo stesso tempo, il conducente dell'autobus verrà avvisato della presenza di una persona disabile alla prossima fermata ed all'apertura delle porte verrà emesso un segnale acustico che guiderà il non vedente all'individuazione dell'entrata. Questa modalità può rappresentare un'opportunità anche per le persone con disabilità motoria poiché, essendo informato della presenza di una persona disabile, l'autista potrà predisporre per tempo la fermata del mezzo così da favorire l'uscita della pedana per l'accesso di sedie a rotelle.
Le dimensioni particolarmente ridotte dei radio fari ne consentono l'installazione anche su segnali di lavori in corso, monopattini elettrici ed ogni altra situazione che possa rappresentare un pericolo per persone prive della vista che si muovono in autonomia. Non sono infatti rari gli incidenti di cui sono vittime i disabili visivi a causa di ostacoli non consueti e di difficile individuazione con il solo bastone.
Tra i radio fari ve ne sono anche di piccole dimensioni e portatili che sono molto utili, ad esempio,  per ritrovare la propria camera durante un soggiorno in un albergo od un punto di interesse temporaneo. Recentemente sono stati realizzati anche radio fari dotati di una batteria incorporata, di lunghissima durata e di facile sostituzione, utilizzabili in installazioni non raggiungibili da un'alimentazione di rete.

L'adozione di questo sistema, unitamente alla necessaria formazione per l'orientamento e l'uso del bastone bianco, può potenziare significativamente la mobilità in autonomia delle persone cieche od ipovedenti contribuendo a costruire una vita sempre più indipendente.
Il sistema è di introduzione relativamente recente, ma sono sempre più numerose le realtà in cui è stato adottato. Trieste, Matera, Roma e Milano sono solo alcuni esempi di città in cui le amministrazioni locali hanno iniziato ad applicarlo in diversi ambiti.

In questa occasione sono stati presentati anche il libro "La città del presente", volume pubblicato da UICI rivolto agli operatori che si occupano del superamento delle barriere architettonico-sensoriali, di cui è stata consegnata una copia alle autorità presenti, e l'iniziativa di UICI per la realizzazione di una serie di occhiali e copriocchiali studiati specificatamente per ottimizzare la visione in ambienti aperti di persone con diverse patologie di ipovisione.

All'evento hanno partecipato numerosi soci UICI ponendo domande sui più diversi aspetti di questo promettente ausilio per la mobilità delle persone con disabilità visive e su varie specifiche applicazioni.
Riscontri positivi sull'evento sono giunti anche dai mezzi di comunicazione locali in particolare attraverso un dettagliato resoconto pubblicato dal quotidiano Gazzetta di Parma ed un ampio servizio dell'emittente 12 TV Parma con intervista a Marino Attini ed a Guido Schianchi.




525915 visitatori dal 1 gennaio2009


Personalizza la visualizzazione di uicparma.it

Scegli uno stile:

Vai ad inizio pagina

Copyright © 1999 - 2024 uicparma.it
Sito realizzato con CMS Made Simple 1.6.6 Bonde